Area archeologica di Fratte

area archeologica fratteL’Area archeologica etrusco-sannitica di Fratte è situata alla periferia nord-orientale della città di Salerno, lungo il fiume Irno. All’incirca verso il VI secolo a.C. molti gruppi di Etruschi che provenivano da Amina, che ad oggi è Pontecagnano Faiano, si trasferirono nella valle del fiume Irno.

Presso il Museo Archeologico Provinciale di Salerno i turisti possono ammirare tutto il materiale archeologico che in questi anni è stato rinvenuto con gli scavi. In particolare, molto di questo materiale è costituito da moltissime anfore con oggetti personali, e chiaramente da numerose tombe.

Dal punto di vista storico, in un primo tempo l’area archeologica di Fratte, verso il VI secolo a.C., fu occupata, come sopra accennato, da gruppo di popolazione etrusca proveniente, stando alle fonti storiche, da quella che oggi è Pontecagnano Faiano; i gruppi di etruschi si trasferirono non molto lontano dalla foce del fiume Irno per poi lasciare il post ai Sanniti che restarono nell’area fino al terzo secondo avanti Cristo.

Poi si narra che il piccolo centro cittadino dell’area archeologica di Fratte fu distrutto dall’invasione dei Romani proprio nell’ambito delle operazioni militari contro le popolazioni sannitiche.

In base ai reperti trovati, l’antica cittadina presente nell’area archeologica di Fratte sia durante il periodo degli etruschi, sia dei sanniti, era per il tempo particolarmente sviluppata dal punto di vista urbanistico con decorazioni architettoniche accompagnate anche dalla presenza di costruzioni in tufo, ed un tempio con dei bassorilievi identificato come una sorta di acropoli etrusca.

L’area archeologica di Fratte è accessibile gratuitamente dal Martedi al Sabato dalla 8.00 alle 16.15 e la domenica dalle 9.00 alle 13.00. Resta chiusa il Lunedi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Vacanze a basso costo

Comments are closed.