Bellezze di Parigi: l’Arco di Trionfo

Parigi è una città ricca di attrazioni turistiche e storiche, numerosi musei dove si possono ammirare i capolavori più importanti del mondo e obiettivi turistici. I monumenti e le attrazioni turistiche della capitale della Francia sono conosciuti in tutto il mondo e sono diventati veri e propri simboli riconosciuti da tutto il mondo. In una serie di post, analizzeremo le attrazioni turistiche da non perdere, una volta arrivati a Parigi.

Arco di Trionfo
Nel cuore di una città vivace come Parigi in un quartiere dove il business, il commercio e il turismo si sposano perfettamente fra loro, l’Arco di Trionfo è legato al nostro subconscio  in un modo che supera il suo senso vero artistico e architettonico. La costruzione di questo monumento doveva essere un omaggio all’Imperatore Napoleone per le sue vittorie, e non era stata completata fino alla battaglia di Waterloo che ha portato l’Imperatore alla sua detronizzazione. L’Arco di Trionfo è stata costruita sulla tomba di un milite ignoto ucciso durante la Prima Guerra Mondiale e infatti una lampada perpetua arde ancora nella fondazione.

Dall’Arco di Trionfo partono  strade per tutte le direzioni e per questo la piazza Charles de Gaulle, dove è posto l’arco, e nota come il “Mercato Stella” (Place de l’Étoile). L’Arco è ubicato ad ovest della famosa Champs-Élysées. L’Arco di Trionfo è un tributo per onorare tutti coloro che hanno combattuto per la Francia, in particolare durante le guerre napoleoniche. All’interno e al di sopra dell’arco sono incisi i nomi di tutti i generali e di tutte le guerre.
L’Arco di Trionfo  misura 49,5 metri di altezza, 45 metri di larghezza e 22 di profondità ed è il secondo arco più grande  nel mondo. È così grande, che alla festa dedicata alla fine della guerra, un pilota ha volato con un  biplano sotto di essa.

L’idea di costruire l’Arco è partita nel 1806 dopo la vittoria ad Austerlitz da parte dell’imperatore Napoleone. La costruzione della fondazione durò due anni. Ci fu un periodo dove la sua costruzione fu sospesa, per essere ripresa più tardi. Nei primi anni ’60, il monumento era diventato nero a causa dell’ inquinamento provocato dalla fuliggine del  carbone e quindi tra gli anni 1965-1966 fu ripulita.

Per coloro che si avventurano a Parigi con  l’auto, è bene sapere che i veicoli che entrano sotto l’Arco di Trionfo hanno la precedenza su quelli che lo circondano. L’accesso pedonale all’Arco è attraverso un passaggio sotterraneo. Il monumento è dotato di un ascensore che arriva fino dal sottosuolo fino al livello di osservazione. I turisti possono salire i 284 gradini o utilizzare l’ascensore per poi salire altri 46 gradini fino alla cima.

Dall ‘Arco di Trionfo  si può ammirare il panorama delle 12 arterie maggiori che partono dalla Place de l’Étoile.
L’Arco di Trionfo è raggiungibile con:
Metropolitana: linee 1,2 e 6 per la stazione Charles-de-Gaulle-EtoileRER: Linea A fino alla stazione Charles-de-Gaulle-EtoileAutobus: linee 22, 30, 31, 52, 73, 92 e BalabusCamminando lungo il Champs-Élysées
L’Arco di Trionfo è aperto per le visite dei turisti e non dal 1 Aprile al 30 Settembre dalle 10:00 alle 23:00 e dal 1 ottobre al 31 marzo dalle 10:00 alle 22:30. I biglietti possono  essere acquistati fino a mezz’ora prima della chiusura. L’Arco è chiuso il 1 gennaio, 1 maggio, 8 maggio (mattino), 14 luglio (mattino), 11 novembre (mattino) e 25 dicembre. Biglietti: 9 € per gli adulti, € 5,5 per i giovani tra i 18 ei 25 anni, ingresso gratuito per i minori di 18 anni.

L’Arco di Trionfo è uno dei simboli più importanti in Francia e quindi è una visita da  non perdere per nessun motivo quando si va a Parigi. Il panorama è stupendo e molti dicono che è più bella anche di quella della Torre Eiffel.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Mete particolari , , , ,

Leave a Reply