Monreale e la sua storia

monreale e la sua storiaAffacciata su Palermo, la città di Monreale, dal latino “Mons Regalis” (letteralmente ‘Montagna Reale’), cavalca un pendio del monte Caputo circa otto chilometri a sud della Cattedrale di Palermo.

Situato a circa trecento metri sul livello del mare, la cittadina sovrasta la “Conca d’Oro”, Nome con cui è nota la valle che si trova al di sotto di Palermo.

Nessuna gita a Palermo è davvero completa senza una visita a Monreale. La cattedrale e il suo chiostro rappresentano la più grande concentrazione di architettura normanna, araba e bizantina in un unico luogo. È vero, la cattedrale di Palermo è più grande, ma in quella di Monreale è molto più vicina alla sua struttura originaria del XII secolo.

Questo posto meraviglioso è molto più che “solo un’altra chiesa.”
Splendidi i mosaici di “Santa Maria Nuova“, il nome ufficiale del Duomo di Monreale, molto più estesi di quelli della cattedrale di Cefalù, e mentre i mosaici della Cappella Palatina del Palazzo dei Normanni di Palermo sono ugualmente maestosi, quest’ultimo lascia molti con l’impressione di una complessa opera d’arte in uno spazio ristretto.

Annesso alla Cattedrale, troviamo il cortile del chiostro benedettino, composto da 228 colonne, alcune intarsiate con dei mosaici in stile bizantino e ciascuna incoronata da un capitello in legno riccamente intagliato. Gli stessi capitelli raffigurano scene della storia normanna della Sicilia, completo di cavalieri e re.

Il Duomo di Monreale ospita anche numerose tombe reali. Quella di Guglielmo II è un’opera in marmo bianco risalente al XVI secolo. Il padre di William, il re Guglielmo I “il Cattivo” si trova in una tomba color rosso porfido che risale al XII secolo. La madre di Guglielmo II, Margherita di Navarra, è sepolta anch’essa a  Monreale. Curiosamente, anche il fratello del re Luigi IX di Francia (Saint Louis) giace in questo luogo.

Tanto che il corteo regale del re francese si fermò presso Monreale per un misterioso funerale dopo la morte di Louis (durante la crociata tunisina del 1270) quando il suo meno santo fratello minore, Carlo d’Angiò, fu re di Napoli e Sicilia.

Origini reali
L’’idea di costruire La cattedrale di Monreale fu del re Guglielmo II “il Buono”, nipote di Ruggero II. La costruzione iniziò nel 1172 e la sovrastruttura impiegò quattro anni per essere costruita, raggiungendo il completamento nel 1176. I lavori per i mosaici e il chiostro sono stati completati al momento della morte del giovane re nel 1189.

Intorno alla struttura venne innalzato un piccolo borgo arabo di nome “Ba’lat”, dove gli agricoltori locali si riunivano ogni mattina per vendere i loro prodotti. In epoca normanna la zona intorno Ba’lat, infine rinominata Monreale, divenne il terreno di caccia preferito dei monarchi Hauteville. In quei giorni cervi, cinghiali e gatti selvatici ancora vagavano per la Sicilia, dove c’erano foreste di gran lunga più numerose, e la falconeria era popolare tra il baronaggio.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Vacanze in Italia

Comments are closed.