Venezia: alcune tradizioni e misteri leggendari

venezia alcune tradizioni e misteri leggendariVenezia è un posto meraviglioso dalle strane e misteriose tradizioni, luoghi e personaggi del passato. Ecco una raccolta delle più interessanti leggende legate ai luoghi di interesse intorno alla città.

La piazzetta di San Marco che si chiama Piazzetta o piccola piazza, si affaccia sulla laguna tra due colonne. 

Le due colonne si erigono in onore rispettivamente, di San Teodoro, primo patrono di Venezia, e San Marco, che divenne patrono dopo che i suoi resti sono stati, come narra la leggenda, rubati e portati alla città. In origine si ritiene vi fossero tre colonne, ma la terza è stata persa in mare durante il viaggio a Venezia effettuato da Costantinopoli.

In piazzetta San Marco, intorno 1507, si narra che venne trovato il corpo  pugnalato di un fornaio. Allora un signore di nome Piero Tasca, sotto tortura, fu costretto ad ammettere di essere stato l’autore dell’omicidio che non ebbe mai commesso, venendo condannato a morte nel lato sud della Basilica.

Non molto tempo dopo la sua innocenza venne appurata. Da quel giorno due candele rosse rimangono accese tutta la notte e ogni notte tra le due arcate della Basilica, dove venne allestito il patibolo, si registrano delle strane presenze.

I Giardini della Biennale vennero costruiti nel 1921, vicino alla statua di Garibaldi posta nei giardini, un fantasma appare periodicamente in una camicia rossa. Il fantasma è stato identificato come Giuseppe Zolli (1838), un seguace di Garibaldi che aveva giurato di proteggere il suo capo nella vita come nella morte.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Vacanze in Italia

Comments are closed.